Shuhi gimu

茶道 ~ la Via del Tè, geiko, geisha, In DIRetta da Kyōto, Kamishichiken, living flowers, maiko, Mineko Iwasaki, Satohina,

Il debutto della maiko Satohina さと雛 dell’okiya Nakazato di Kamishichiken fotografata da Onihide.

Gimu è il dovere (obbligo), shuhi significa segretezza.

Con questa decisa espressione si indica dunque il codice di segretezza delle geisha.

Le geisha infatti devono vivere rispettando sempre, anche quando lasciano la carriera, lo shuhi gimu ossia un codice di segretezza che proibisce loro di rivelare i segreti del karyūkai a coloro che sono estranei a questo mondo.

E’ una delle doti morali che più ammiro nelle farfalle danzanti e lo stesso provano i loro clienti: possono essere certi che le delicate confidenze e tutte le altre parole pronunciate nell’intimità di una teahouse non usciranno mai dalle pareti scorrevoli dell’o-chaya.

Non a caso la raffinata Mineko Tanaka, più nota come Mineko Iwasaki (il cognome della proprietaria dell’okiya che la adottò da bambina), decise di fare causa ad Arthur Golden dopo la pubblicazione del tanto discusso romanzo: agli occhi di tutta Kyōto, ella apparve come una traditrice del mondo fluttuante! Per cercare di cancellare il terribile disonore Mineko ha deciso anche di scrivere un altro libro in cui racconta la sua storia di geisha e la quotidianità nel karyūkai.

Forse anche noi dovremmo adottare la stessa condotta delle maiko e delle geiko quando un amico ci confida un suo prezioso segreto!  

Tora Tora o Konpira Fune Fune? (^_^)

geiko, geisha, Japananese life style, Katsufumi, living flowers, maiko, Masayo, YouTube

Quale dei due giochi preferite?

Sono numerosi i divertimenti con i quali le maiko deliziano i propri clienti, negli o-zashiki.

Il pittoresco Tora Tora (Tigre-Tigre) ricorda il tradizionale forbice-carta-sasso, solo che non si gioca con le mani ma con tutto il corpo. Ciascuno dei due partecipanti deve assumere uno di questi tre ruoli: un’anziana donna piegata sul suo bastone da passeggio, una tigre o un samurai armato di lancia. La tigre mangia la donna, il guerriero uccide la tigre ma la donna vince contro il samurai poiché ne è la madre. I due giocatori si preparano in due punti separati da un divisorio e, al segnale prestabilito, escono fuori: chi perde, come pegno, deve bere il sake.

Innocente e delizioso è anche il Konpira Fune Fune. Necessita semplicemente di una piccola ciotola rivoltata (tokkuri no hakama) e di una superficie d’appoggio. Quando la prima è sulla seconda, i due giocatori devono coprirla a turno con il palmo della mano aperta. In qualsiasi momento però uno dei due può togliere il recipiente e l’altro deve toccare il ripiano con il pugno serrato. Il recipiente può essere trattenuto per tre turni, quindi una volta rimesso al suo posto deve essere di nuovo sfiorato con la mano aperta. E così via: più a lungo il gioco prosegue e più veloce diventa il ritmo dello scambio!

…Chi perde, ovviamente, deve subire una penitenza.

La geiko Masayo di Gion Higashi e la maiko Katsufumi di Gion Cobu sembrano davvero adorare questo intrattenimento… Non trovate?

金毘羅船々」 = 「Konpira Fune Fune」

Konpira funefune oite ni hokakete
syura syusyu syu
mawareba sikokuha sansyu
naka no gouri zouzusan
Konpira Daigongen
ichido mawareba
Konpira funefune oiteni hokakete
syura syusyu syu

金毘羅船々(こんぴらふねふね)
追風(おいて)に帆かけて
シュラシュシュシュ
まわれば 四国は
讃州(さんしゅう) 那珂の郡(なかのごおり)
象頭山(ぞうずさん) 金毘羅大権現(だいごんげん)
一度まわれば
金毘羅み山の
青葉のかげから
キララララ
金の御幣(ごへい)の 光がチョイさしゃ
海山雲霧(うみやまくもきり) 晴れわたる
一度まわれば
金毘羅石段
桜の真盛り(まさかり)
キララララ
振袖(ふりそで)島田が サッと上る
裾(すそ)には降りくる 花の雲
一度まわれば
阿波の殿様
蜂須賀さま(はちすかさま)だよ
シュラシュシュシュ
私ゃあなたの
そばそばそばだよ
ほんとに金毘羅大権現
一度まわれば
お宮は金毘羅
船神さま(ふながみさま)だよ
キララララ
時化(しけ)でも無事だよ 雪洞(ぼんぼり)ゃ明るい
錨(いかり)を下して 遊ばんせ
一度まわれば