Shunga: Arte ed Eros nel Giappone del periodo Edo (Milano, 21 Ottobre 2009 – 31 Gennaio 2010)

CasadeiLibri, geiko, geisha, Lezioni sull'Arte della Geisha, maiko, Miyabi no Mai, Naosome

Un disegno di Utamaro

Fotografia: un disegno di Utamaro.

Palazzo Reale ospita la cultura nipponese con la mostra Shunga, Arte ed Eros nel Giappone del periodo Edo, in collaborazione con la Fondazione Antonio Mazzotta. Si tratta della più grande esposizione mai realizzata dedicata alle stampe giapponesi di soggetto erotico, gli Shunga, insieme ad una selezione di preziosi kimono e una scelta di antiche pitture di soggetto erotico. L’evento è il risultato di un lungo lavoro condotto dal Museo delle Culture di Lugano, che ha ideato l’esposizione e coordinato la ricerca scientifica.

Un centinaio di opere, 30 libri originali e 10 preziosissimi kimono costituiscono il percorso espositivo di Palazzo Reale, costellato dalla presenza degli artisti più noti del genere shunga quali Harunobu, Koryusai, Kiyonaga, Utamaro, Hokusai e Schuncho.

Il 26 novembre, alle ore 18.30, si terrà la conferenza “Geisha e Oiran, seduzione e mistero” (Palazzo Reale, sala conferenze – piano terra – ingresso libero fino ad esaurimento posti).

Interverranno, oltre a me:   Tino Cennamo (presidente Ricordi&C),
Rossella Marangoni (Associazione italiana per gli studi giapponesi, autrice de “Il quartiere del Piacere”),
Adriana Boscaro (Ordinario di Lingua e Letteratura giapponese all’Università Ca’ Foscari di Venezia).
Moderatrice: Martina Mazzotta.

In collaborazione con Ricordi&C.

La Fondazione Antonio Mazzotta mi ha invitata a partecipare come relatrice sul tema della cultura delle geisha di Kyoto. Vi aspetto.

Il Corriere della Sera (11/11/2009), pagina 40.

Annunci

Lezioni sull’Arte della Geisha a Lucca Comics

CasadeiLibri, geiko, geisha, Halloween, Lezioni sull'Arte della Geisha, lib(e)rid'Arte, Lucca Comics, maiko, Miyabi no Mai, Naosome, Shinahide, Tetsuo Ishihara

Miriam Bendìa, con le sue “Lezioni sull’Arte della Geisha”, sarà ospite di OchacaffèAssociazione Italia Giappone e dell’Istituto Linguistico Il Mulino, a Lucca Comics nel Japan Palace. Appuntamento: il 31 ottobre, alle 18.00.

ochacaffè

Alcuni brani  contenuti nel romanzo Diario di una maiko saranno esposti a commento della  “Mostra di bambole per la festa Hinamatsuri”.

“In Giappone il 3 marzo si festeggia lo Hinamatsuri (Festa delle bambole Hina), chiamata anche  Momo no sekku (Festa delle pesche). Quel giorno in famiglia si espone una serie di bambole, si festeggiano le bambine e si prega perché crescano sane e belle. Tramandata per secoli, la forma delle bambole é cambiata molto. Oggi sono diventate opere d’arte anche molto costose, chiamate Hinaningyo (bambole Hina)…

Vi ricordo solo che quel sabato è anche Halloween!”

;)

祇園祭 [Gion Matsuri]

geiko, geisha, Gion, Gion Matsuri, hana kanzashi, hanabi, Kotoha, maiko, Miyabi no Mai, MySummerTime

Mameharu_7 luglio 2009

Al centro, la maiko Mameharu fotografata da Michael Chandler.

“♪Kon Kon Chikichin Kon Chiki Chin”.

Tra le vie di Kyoto, ormai risuona incessantemente la Gion Bayashi, una musica speciale tipica del Gion Matsuri. Prende forma dal dialogo tra il fue (tipico flauto giapponese di bambù), il taiko (tamburo) e il kane (piccolo gong). Il ritmo della Gion Bayashi è indicato con l’espressione kon-chiki-chin, usando le sillabe che imitano il suono del kane.

“♪Kon Kon Chikichin Kon Chiki Chin”.

Se provate a canticchiare questa frase, dopo averla ascoltata a lungo, non percepirete altro che Kon chiki chin. Strano, vero? Ma in realtà queste tre parole rappresentano solo il principio di tutte le note.

Satomi al Gion Festival 2009

La maiko Satomi, fotografata da Michael Chandler (Momoyama), il 17 luglio 2009.