黒川雅子日本画展

geiko, geisha, hana kanzashi, lib(e)rid'Arte, living flowers, maiko, Masako Kurokawa, Miyabi no Mai

mostra-masako1

Mia cara Masako,

grazie per l’invito che mi hai mandato. E’ un onore per me!

L’incenso con cui lo hai accompagnato mi porta il dolce profumo della tua arte.

Gokouun o inorimasu, per la tua preziosa mostra!

invito-mostra-masako_piccolo

Annunci

Hana Ikusa ~ 花いくさ

erikae, geiko, geisha, Geisha of Gion, Gion Kobu, hana kanzashi, living flowers, maiko, Masako, Mineko Iwasaki, Misedashi, Miyabi no Mai, sakura, Sto leggendo...

hana-ikusa_drama1

Guarda il video di Hana Ikusa (2007) su Family Videos

Hana Ikusa significa battaglia del fiore. La storia è ispirata alla vita della celebre Mineko Iwasaki, la famosa artista di Gion alla cui esperienza allude anche Memorie di una geisha.

Inoue Mao è incantevole nel ruolo della protagonista!


Miyabi no Mai

CasadeiLibri, Miyabi no Mai, Sto scrivendo...

macchianera_1

…Sto sfogliando la prima bozza del mio nuovo libro e sono incantata… L’editore ha fatto davvero uno splendido lavoro! Ora non mi resta che rileggerlo con attenzione e continuare a rifinirlo, insieme a lui, per poter sfogliare presto la prima copia in carta&ossa ancora profumata di stampa.

Sono felice.

Scrivo dunque sono.

E, oggi, sono felice.

macchianera_2

Tsuru no ongaeshi [La gratitudine della gru]

Flickr, geiko, geisha, Gion Higashi, Gion Odori, Hinagiku, Kanoka, Kanoyumi, Kotomi, maiko, Mariko, Masako, Masami, Masayo, Miharu, Miyako no Nigiwai, teatro, Tsunekazu, Tsunemomo, Tsuneyuu, Umeha

geiko-tsuneyu_gion-odori-2008-di-gion-higashi_dettaglio

La geiko Tsuneyuu – つね有, riflessa negli occhi dell’artista Onihide.

Gion è il distretto dell’intrattenimento e dello spettacolo che sbocciò, all’inizio dell’era Edo (1600-1868), fuori dalle porte del santuario Yasaka.

Le costruzioni originarie erano dei luoghi di riposo (mizu chaya) nei quali venivano serviti tè, sake e vivande ai pellegrini in visita al Yasaka Shrine. A un certo punto le geiko cominciarono a intrattenere i propri clienti negli edifici originali e questi divennero il quartiere delle geisha di Gion: molto famoso per la Miyako Odori celebrata ogni mese di aprile quando gli alberi di ciliegio, in Kyoto, raggiungono la piena fioritura. In autunno inoltre si celebra la Onshu-kai, sempre seguendo la tradizionale Scuola Inouye.

L’originario quartiere di Gion venne più tardi diviso in due differenti quartieri: Cobu e Otsubu (1881). Al termine della Seconda Guerra Mondiale Otsubu diventò Gion Higashi (祇園東) invece Cobu mantenne il suo nome: Gion Cobu.

Mentre tutti gli altri hanamachi tengono le loro speciali danze annuali in primavera, Gion Higashi è l’unico che rappresenta la sua Gion Odori in autunno, al Gion Kaikan (1/11-10/11). La tradizione artistica è quella della Scuola Fujima.

La performance di quest’anno è particolarmente pittoresca!

All’inizio si svolge, come è tradizione, una cerimonia del tè in cui una geiko ha il ruolo di temae-san (colei che, in prima persona, celebra il rito) e una maiko quello di hanto-san (aiutante).

Nel primo atto dello spettacolo, il sipario si apre mostrandoci sul palco le senior maiko di Gion Higashi: Kanoka, Tsunemomo, Umeha, Miharu e Kotomi. Le incantevoli fanciulle ammirano i rotoli di seta in un negozio di splendidi kimono. Appena le artiste vanno via, i rotoli di seta che loro stavano accarezzando prendono vita: gli spiriti delle preziose stoffe sono interpretati dalle geiko-san dell’hanamachi.

geiko-masayo-masami-mariko-tsuneyuu-and-hinagiku-by-onihide_gion-odori-20081

Le geiko Masayo, Masami, Mariko, Tsuneyuu e Hinagiku fotografate da Onihide.

geiko-masayo-masami-mariko-and-tsuneyuu

Le geiko Masayo, Masami, Mariko e Tsuneyuu viste da Onihide.

Ogni geisha indossa un meraviglioso kimono e danza in uno stile differente dalle altre.