ニュース News dal Giappone 日本

geiko, geisha, Japananese life style, living flowers, maiko, Misedashi, San-san-kudo, shikomi

小之美 ~ Konomi (maiko di Gion Cobu), fotografata da Momoyama al Reitaisai Hono Buyo Festival (aprile 2008) presso lo Heian Shrine, Kyoto.

Boom di maiko grazie a Internet e TV!

Navigare in Internet e guardare la TV possono essere attività banali oppure cose che cambiano la vita, dipende da chi le sta facendo. Per un crescente numero di ragazze internet e TV sono stati determinanti nell’incoraggiarle a diventare maiko, ovvero apprendiste geisha.
Per la prima volta in quarant’anni il numero delle maiko è arrivato a quota 100, grazie al crescente aumento d’interesse verso la cultura tradizionale delle geisha di Kyoto. Le apprendiste sono giunte qui da ogni parte del Giappone, dopo aver visto in TV una sorta di reality sulla vita di una maiko e grazie anche ad alcuni eventi organizzati per promuovere il turismo nell’antica capitale giapponese.

第56回 北 野 を ど り ~ 56a edizione della Kitano Odori

Flickr, geiko, geisha, hanami, Ichimame, Ichiteru, Japananese life style, Kamishichiken, Katsue, Katsuho, Katsuru, Katsuya, Kitano Odori, living flowers, maiko, Miyabi no Mai, Naohiro, Naokazu, Naosome, Naosuzu, sakura, teatro, Umechika, Umegiku, Umeha, Umeharu, Umeka, Umesato, Umeshizu

2008年4月15日~25日、上七軒歌舞練場にて北野をどりが始まります。

A partire dal Festival delle Lanterne, festeggiato nel marzo 1952 presso il vicino Kitano Shrine dedicato a Sugawara no Michizane, ogni anno, nel distretto di Kamishichiken, si tiene la Kitano Odori.

Geiko e Maiko sono sempre le protagoniste ineliminabili nei banchetti tradizionali ma le loro abilità sono molto più numerose: le esibizioni nella musica tradizionale in diversi stili come Nagauta, Tokiwazu e Kiyomoto, la padronanza di strumenti come lo shamisen, il whistle, lo tsuzumi e la perfezione nella danza classica giapponese. Devono inoltre conoscere l’antico dialetto di Kyoto e le tradizionali canzoni popolari che rappresentano un aspetto molto importante dell’intrattenimento nelle teahouses. I clienti abituali ricordano queste canzoni e si divertono molto a intonarle, insieme a loro, durante la serata. Si esercitano, quotidianamente, nella pratica e nella teoria per acquisire tutte le conoscenze e le abilità indispensabili a una geisha e la Kitano Odori è come un grande show aperto al pubblico durante il quale possono esibirsi in modo completo.

勝瑠 ~ Katsuru (maiko), fotografata da Momoyama durante la Kitano Odori 2008.

第59回京おどり ~ 59a edizione della Kyo Odori

Flickr, Fukunao, Fumisono, geiko, geisha, hanami, Japananese life style, Kikune, Kimika, Komomo, Kyo Odori, living flowers, maiko, Miehina, Miyabi no Mai, Miyagawa-cho, sakura, Satonami, teatro

poster-kyo-odori-2008_1.jpg

Fukunao (con il kimono viola), alle sue spalle Kikune (in blu) e Fumisono (in giallo).

開催期間  4月5日(土)~20日(日)

開演時間  毎回3回
12時30分
2時30分
4時30分

poster-kyo-odori-2008_2.jpg

Kimiharu (con il kimono celeste) , la imoutosan (sorella minore) della celebre maiko Kimika, e Satonami (in rosa).

Il tratto del Kamo River tra i ponti Shijo e Donguri, dove i tre santuari portatili venivano purificati durante il Gion Matsuri, era chiamato Miyagawa. Nei pressi sorgeva un distretto conosciuto per le sue Kabuki houses all’interno delle quali i giovani attori erano educati. Lì, in seguito, furono costruite delle teahouses con lo scopo di nutrire e intrattenere i clienti al termine delle performances. In questi edifici erano offerti anche i servizi delle geisha. Con il tempo i piccoli teatri svanirono e rimasero solo le teahouses: allora il distretto diventò famoso come Miyagawa-cho (宮川町).

La Hanayaka (brillantemente pittoresca) Kyo Odori si tiene al Miyagawa-cho Kaburenjō Theater, seguendo la Scuola Wakayagi, solitamente dal primo sabato alla terza domenica del mese di aprile, per il piacere dei giapponesi e degli stranieri.

君晴 ~ Kimiharu (maiko), fotografata da Momoyama durante la Kyo Odori 2008.

第136回 都をどり ~ 136a edizione della Miyako Odori [La Danza della Capitale]

geiko, geisha, Gion Kobu, hanami, Japananese life style, living flowers, maiko, Miyabi no Mai, Miyako Odori, sakura

miyako-odori-poster-2008.jpg

Miyakowa Imagenji no Omokage

Il poster della Miyako Odori, fotografato da hanayaka-japan.

I quartieri delle geisha si chiamano hanamachi (città dei fiori).
In Kyoto sono cinque, diversi per tradizioni e simboli: Gion Kobu (Cobu), Gion Higashi, Kamishichiken, Ponto-cho, Miyagawa-cho. In genere vengono appellati come Gokagai.

Gion è il distretto dell’intrattenimento e dello spettacolo che sbocciò, all’inizio dell’era Edo (1600-1868), fuori dalle porte del santuario Yasaka.
Le costruzioni originarie erano dei luoghi di riposo (mizu chaya) nei quali venivano serviti tè, sake e vivande ai pellegrini in visita al Yasaka Shrine.
Questo variopinto santuario sorge proprio sotto l’altura del Maruyama-kōen ed è considerato il custode della vicina Gion, tanto che spesso viene affettuosamente definito Gion-san. Esso è particolarmente popolare come meta della prima visita al tempio del Nuovo Anno: ammiratelo verso mezzanotte, l’ultimo giorno di dicembre.
Inoltre lo Yasaka-jinja è il promotore del Gion Matsuri, la festa più imponente che si svolge a Kyoto.

Mamehide in Gion, fotografata da Genevieve.

A un certo punto le geiko cominciarono a intrattenere i propri clienti negli edifici originali e questi divennero il quartiere delle geisha di Gion: molto famoso per la Miyako Odori celebrata ogni mese di aprile quando gli alberi di ciliegio, in Kyoto, raggiungono la piena fioritura. In autunno inoltre si celebra la Onshu-kai, sempre seguendo la tradizionale Scuola Inouye.
Sulla sponda est del Kamogawa, il distretto è dunque celebre per le geisha e i locali notturni alla moda. Questi ultimi, a mio parere, insieme ai palazzi moderni e al traffico congestionato, sottraggono alla zona parte del suo fascino storico, ma è ancora possibile incontrare qualche angolo incantevole per passeggiare. Trovandovi da queste parti nel tardo pomeriggio o in prima serata, è facile che vi imbattiate in una geisha o una maiko che si reca o torna da un appuntamento… Sarebbe emozionante incontrarle!