始業式 [Cerimonia d’apertura]

onesan-e-imoutosan

Fotografia di Jodi Cobb.

E’ iniziato il Nuovo Anno e le attività nelle okiya di Kyoto sono riprese con i soliti ritmi frenetici e gioiosi.

Oggi c’è stata la cerimonia di apertura del mio distretto favorito, il Kamishichiken: la Shigyōshiki (始業式).

Questa celebrazione si svolge presso il Kaburen Theater in Kamishichiken e sancisce il ritorno al lavoro delle geiko e delle maiko (dopo la pausa delle festività).

Gli altri quattro hanamachi la celebrano invece il settimo giorno di gennaio.

Innanzitutto gli ospiti di rilievo e le okāsan del distretto formulano i loro auguri per l’inizio del Nuovo Anno, quindi le artiste, vestite del tradizionale kimono nero degli eventi formali decorato con l’emblema della propria okiya e il kanzashi con le spighe di riso per propiziare la buona sorte, rinnovano i propositi di sviluppare il loro gei

“Ci impegneremo per migliorare le nostre arti!”

Si premiano inoltre, con ambiti riconoscimenti, le maiko e le geiko che hanno intrattenuto un maggior numero di clienti.

Infine tutte insieme, allieve inesperte e sapienti onesan, si cimentano nella Subayashi Hinazuru-sanbasou come fanno sempre in molte celebrazioni ufficiali.

Fino al quindici gennaio tutte portano, tra i capelli, una vera spiga di riso. Si dice che se riesci a farti donare tre chicchi di riso presi dall’ornamento di una di loro, li avvolgi in un foglio di carta e li conservi nella tasca, avrai in sorte fortuna e denaro!

Nei giorni precedenti alla opening ceremony si partecipa alla tradizione dello Shin Aisatsu (New Year’s Greetings): ci si reca presso le teahouse del distretto, la dimora della propria onesan e gli insegnanti per rivolgere loro gli auguri formali.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.